Sindacato Europeo dei Lavoratori

a cura di Giuseppe Criseo

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter

Interventi di Sostegno per le Persone Disabili
ai sensi della Legge 162/98 

 

La legge 162/98 mira “a programmare interventi di sostegno alle persone […] con handicap di particolare gravità” (art.1), affette cioè da minorazioni tali da ridurre l’autonomia personale in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera personale o relazionale; gli interventi previsti dalla legge vogliono inoltre garantire supporto alle famiglie che si trovano ad assistere persone con gravi disabilità, assicurando prestazioni assistenziali integrative.
La legge 162/98 persegue dunque l’obiettivo di integrare le opportunità già offerte dalla rete dei servizi socio sanitari ed assistenziali (CDD, CSE, Servizi di Formazione all’Autonomia).
In particolare si tratta di interventi di breve durata, capaci di rispondere a situazioni di emergenza e quindi progettati con un criterio di estrema flessibilità in base allo specifico bisogno.
La Cooperativa Solidarietà e Servizi ha immediatamente colto l’opportunità offerta dalla legge favorendone l’utilizzo da parte delle famiglie dei propri ospiti. 

CHI PUÒ UTILIZZARLA
Gli interventi previsti dalla L. 162/98 possono essere realizzati in favore di persone disabili alle quali sia stato riconosciuto lo stato di “grave handicap” o riconosciuti totalmente inabili (invalidità civile del 100%).GLI INTERVENTI PREVISTI
La legge finanza:

  • Interventi di assistenza domiciliare realizzati presso la dimora familiare,
    in alloggi protetti o presso convivenze assistite;
  • Interventi di sollievo alle famiglie realizzati mediante la temporanea accoglienza della persona disabile presso strutture residenziali esistenti;
  • Interventi di “avvicinamento della persona disabile alla residenzialità”
    da realizzare attraverso la temporanea ospitalità del disabile presso strutture residenziali già esistenti;
  • Interventi di accompagnamento della persona disabile (e della sua famiglia) verso una progressiva e maggiore possibilità di vita autonoma.

LE MODALITA’
Il progetto di intervento, definito da Solidarietà e Servizi in base alla richiesta della famiglia, deve essere avvallato dall’A.S.L. attraverso il Servizio Fragilità del distretto di residenza del disabile.

I COSTI
L’ASL concede finanziamenti che coprono una parte del costo dell’intervento (tenuto conto dei “tetti di spesa” specificati dall’apposita circolare); una parte della spesa è a carico della famiglia.

Categories: Comunicati, Sedi

2 Responses so far.

  1. Giuseppe scrive:

    Salve,

    vorrei chiedere gentilmente un informazione a chi di competenza:

    La premessa è d’obbligo.
    Nel 2012 un disoccupato disabile, con anzianità dal 1996, è stato avviato dall’Ufficio Collocamento Obbligatorio in base all’ordine di graduatoria per la qualifica richiesta, presso un ente pubblico però poi successivamente gli hanno dato il diniego alla sua assunzione per mancanza, a dir loro, di un requisito richiesto.

    Successivamente nel 2013 il giudice del lavoro di primo grado ha accolto il ricorso presentato dal disabile condannando l’ente pubblico ad assumermi. Purtroppo questo stesso ente pubblico, contrario alla sua assunzione, ha presentato appello.

    Solo opinando, se nel 2016 la Corte d’Appello accogliesse l’appello, il disabile perderebbe il posto dopo due anni di lavoro. A quel punto dovrebbe iscriversi nuovamente alle liste speciali di disoccupazione 68/99.

    A questo punto chiedo se in questo caso il disabile sarebbe considerato “licenziato per giustificato motivo oggettivo”.

    In attesa di un vostro riscontro porgo cordiali saluti

    Giuseppe

  2. filippo scrive:

    Buon giorno Sig presidente sono zullo filippo nato a santeramo in colle ho 46 anni sono un invalido
    civile iscritto alle categorie protette attualmente sono residente in venezuela da 8 anni disocupato con una famiglia da mantenere ho partecipato al concorso al consolato italiano in caracas come 2 posti di centralinista con tutta la documentazione che la legge italiana prevede inserendo anche la copia del iscrizione alle categorie protette come la legge del MINISTERO DEGLI ESTERI prevede assunzioni obblicatorie e quote di riserva . Al momento che richiedo la legge 68/99 e la quota di riserva mi rispondono
    il Sig consule MAURO LORENZINI, DISCRIMINANDOMI con una legge 18/67 che loro no assumono personale iscritto alle categorie protette .( DALLE MIE INFORMAZIONI
    LA LEGGE 18/67 E STATA REVOCATA DAL LEGGE 68/99 ) ho vergonia di essere cittadino italiano vergognia di essere un invalido civile igniorato dalle istituzioni italiane
    in quando emette delle leggi e alla pratica inseriscie del altre leggi . Ma si igniora le persone
    disagiate ho scritto a tutti le istituzioni ITALIANE politici patronati ma senza risultati
    ancora sono un INVALIDO INVISIBILE spero tanto che mi risponde
    per darmi la DIGNITA che ho persa da anni grazie
    distinti saluti

Popular Posts

ASL Busto

La risposta del S

Sindacato Europeo dei Lavoratori   sito: http://www.sindacatoeuropeolavoratori.it/ e-mail: segreteria-generale@sindacatoeuropeolavoratori.it tel.347 3142298 Segretario Generale - ...

LOGO S.E.L.

La nota della Direzi

Riportiamo quanto pervenutoci dalla Direzione Generale dell'Asl in seguito alla ...

UNITI PER UNIRE

“UNITI PER UNIRE

“UNITI PER UNIRE” ;MOVIMENTO D’OPINIONE INTERNAZIONALE ,INTERDISCIPLINARE Cos’è questo nuovo movimento? Lo ...

LOGO S.E.L.

Sindacato SEL: Sea

Sindacato Europeo dei Lavoratori _______________________________________ sito: www.sindacatoeuropeolavoratori.it e-mail: segreteria-generale@sindacatoeuropeolavoratori.it ...

malpensa-jpeg

Sea Handling, il Sin

                    ...

Sponsors